Bottesini to Blanchi (Napoli, 2 Jan 1882)
Pregiatissimo Signor Blanchi,
Oltremodo desoleto di quanto succede riguardo ai manoscritti della mia musica ho scritto ancora a Barcellona. Io avevo incaricato un mio secretario certo oreste Mati di spedire il pacco a lei tal quale me l'aveva inviat. Spero arrivarne a qualche schiarimento. Mi succede una cosa stranissima anche colla partitura della mia Messa da Requiem mandata all'Esposizione di Milano.
Dessa fu premiata ma ritirata da chi non si sa e contro i regolamenti del Comitato che non doveva rimettere gli oggetti che alla persona in possesso della ricevuta di consegna. Questa ricevuta la conserva il Conte Sforza Benvenuti di Crema e sta ora facendo le pratiche per ritrovare Messa, medaglia usurpata da incogniti, o farmela pagare. Vede che belle cose succedono a me! Pu˛ dire al Cav. Depanis di consegnare a lei partitura e parti della mia Regina del Nepal. Riguardo al Politeama di Genova sono un poco contrario dopo la rottura fatta questa primavera al medesimo teatro coll'Ero. ╚ un Teatro disgraziato. Mi indichi le modificazioni che crede oportune tanto pel libretto come della musica e sar˛ ben felice se ella vorrÓ incaricasi della stampa.
Ho un'operetta buffa pronta ma con molti personaggi.
Mi scriva e mi creda
Dev.mo amico
Gio. Bottesini.
I miei saluti ai Signori del Comitato.
Source: Parigi, BibliothŔque Nationale, fondo Charles Malherbe
Published in: Inzaghi: Giovanni Bottesini p156, carteggio 223